fbpx

3 Consigli per gestire le spese in famiglia e risparmiare

Condividi

Far quadrare i conti è sempre un’impresa. Le spese fisse sono sempre di più, gli imprevisti sono dietro l’angolo ed arrivare a fine mese indenni riuscendo magari a mettere qualcosa da parte non è affatto facile, specialmente quando la famiglia si allarga. Ecco 3 consigli per gestire le spese in famiglia e risparmiare

Il 1° giorno del mese è lastricato di buone intenzioni: evitare spese superflue, limitare le uscite e lo svago con gli amici, rimandare lo shopping alle situazioni di estrema necessità e spendere solo lo stretto indispensabile per riuscire finalmente a mettere da parte qualche euro.

La realtà però è ben diversa. Le spese da gestire in famiglia sono molte e far quadrare il bilancio non è impresa semplice. Se poi la famiglia è numerosa o si allarga con un bimbo in arrivo la faccenda si complica. Il rischio di farsi prendere da stress, preoccupazioni e paranoie è dietro l’angolo. Per fortuna esistono alcune accortezze da mettere in pratica per arrivare al mese successivo senza ansia: bastano pazienza, pianificazione e un po’ di ingegno.

1. La regola del 50/20/30

La celebre rivista finanziaria Forbes ha riportato un buon metodo per equilibrare le spese necessarie e quelle superflue. L’idea di base è che è impossibile pensare di eliminare drasticamente ogni tipo di svago iniziando improvvisamente a condurre una vita monastica per riuscire a risparmiare. Suddividere il proprio reddito con criterio può essere molto utile. Come? Con la regola del 50/20/30:

  • il 50% del reddito mensile è destinato alle spese essenziali: affitto, trasporti, bollette, cibo.
  • il 20% dovrebbe essere messo da parte o investito in pensioni o altre forme di risparmio a lungo termine.
  • il 30% può essere utilizzato a propria discrezione: pizza del sabato sera, uscite con amici, palestra, corsi e via dicendo.

Prova a mettere in pratica questo metodo cercando di non superare le soglie indicate. Non è detto per forza che funzioni anche con te, ma tentar non nuoce.

2. Lo schema delle 52 settimane

Questo è un metodo tanto semplice quanto efficace. In un anno ci sono 52 settimane. Comincia mettendo da parte 1 euro la prima settimana, 2 euro la seconda, 3 euro la terza e così via fino alla fine dell’anno. Se riuscirai ad essere diligente ogni settimana, ti ritroverai a fine anno con 1378 euro in più in tasca. Vale la pena mettersi alla prova?.

3. Offerte, promozioni, sconti e coupon

Fai la spesa con più attenzione. Segui le offerte che ogni settimana tutti i supermercati propongono. Quando ci sono prodotti confezionati a lunga scadenza in offerta fai scorta. Non limitarti soltanto ad acquistare quello che serve nell’immediato, comincia a pensare anche in prospettiva.

Per altri prodotti, come quelli tecnologici, internet può essere una valida alternativa ai punti vendita fisici. Spesso si trovano offerte a tempo limitato e promozioni esclusive. Monitora il web anche per i servizi: se vuoi prenotare una vacanza low cost o acquistare un coupon per andare al ristorante o dal parrucchiere a prezzi competitivi, non c’è canale migliore.

Pianificare il budget familiare permette di vivere con più serenità, mettendo da parte il necessario per far fronte alle spese pianificate e impreviste. E se le spese impreviste rischiano di prosciugare tutti i risparmi, puoi sempre contare su un finanziamento fatto su misura per affrontare le spese e preservare i risparmi. Contattami per maggiori informazioni.

 

Condividi

Lascia un commento